Al momento stai visualizzando Casabona cardioprotetta”: SIMEUP Crotone promuove nel comune del crotonese la sicurezza cardiaca

Il Centro di Formazione SIMEUP Crotone, lo scorso 11 maggio, ha tenuto un corso cruciale presso il Comune di Casabona, segnando un momento di fondamentale importanza per la comunità locale. Il corso, focalizzato sulle tecniche di Basic Life Support Defibrillation (BLSD) e Pediatric Basic Life Support (PBLS), ha coinvolto una trentina di cittadini desiderosi di apprendere le competenze necessarie per affrontare situazioni di emergenza cardiaca.

L’impegno verso la sicurezza dimostrato da Casabona non solo ha un impatto positivo sulla vita dei suoi residenti, ma ha anche il potenziale per influenzare positivamente l’intera provincia di Crotone. Il progetto “Casabona Cardioprotetta”, con il suo focus sulla formazione, l’accesso agli strumenti di soccorso e la collaborazione tra istituzioni e comunità, rappresenta un modello da seguire per altri comuni desiderosi di aumentare la propria resilienza e preparazione in caso di emergenze cardiache.

All’evento hanno partecipato istruttori nazionali altamente qualificati della SIMEUP, tra cui la Dott.ssa Anna Maria Sulla, Daniele Ermanno, Ilenia Dell’Amico, Gaetano Nicoletta e Roberto D’Aguì. Grazie alla loro guida esperta, i partecipanti hanno potuto approfondire sia gli aspetti teorici che pratici delle procedure di soccorso in caso di arresto cardiaco.

L’iniziativa è stata ideata e sostenuta dalla Dott.ssa Teresina Mastroianni e dal Dott. Luigi Palmieri, i quali hanno dimostrato un impegno straordinario nel rendere possibile un evento di tale portata. È grazie al loro sostegno che Casabona è ufficialmente riconosciuta come un Comune CardioProtetto, un traguardo che riflette l’impegno costante verso la sicurezza e il benessere dei suoi cittadini. In segno di riconoscimento, SIMEUP Crotone ha donato una targa che riflette pienamente l’impegno profuso.

Il progetto “Casabona Cardioprotetta”, realizzato grazie alla partnership con SIMEUP Crotone, la presenza di defibrillatori, personale sanitario e laico addestrato e certificato, rappresenta un importante passo avanti nella tutela della salute pubblica e nella promozione della sicurezza nella comunità.

Casabona si erge dunque come un esempio virtuoso nella provincia di Crotone, dimostrando come l’impegno collettivo e la collaborazione tra istituzioni e organizzazioni possano fare la differenza nella salvaguardia delle vite umane. Il progetto non è solo un’ambiziosa iniziativa di formazione, ma anche un segno tangibile dell’importanza di essere pronti ad affrontare qualsiasi emergenza, con il fine ultimo di preservare la vita e il benessere della comunità.

Fonte:Wesud.it