• Categoria dell'articolo:Articoli
You are currently viewing COME ESEGUIRE LA RCP IN UNA POSIZIONE SCOMODA?


Essere addestrati nell’arte di salvare una vita è un traguardo magnifico. La sensazione è straordinaria perché siete stati voi a entrare in azione e a iniziare la rianimazione cardiopolmonare (RCP). Tuttavia, non è detto che aiutare una persona che ha bisogno della rianimazione cardiopolmonare sia un compito facile. Le persone possono trovarsi incastrate in un veicolo a testa in giùsu un fianco o addirittura ancora sedute nell’auto. Naturalmente, l’azione più ovvia da intraprendere è quella di toglierle da quella posizione e metterle a terra, come vi è stato insegnato durante il corso.

Quando si esegue la RCP in una posizione scomodail soccorritore deve essere consapevole dei pericoli primari e secondari, come fumo nell’auto, perdita di benzina, cani aggressivi e/o persone violente (la scena è sicura?). Una volta stabilito che la scena è sicura, il soccorritore deve eseguire la RCP senza esitazioni. Anche se la posizione è scomoda e il torace deve essere compresso per almeno 5 cm, provare è meglio che non fare nulla. Come si può eseguire un’operazione così difficile?

Un uomo o una donna forti possono probabilmente eseguire la RCP in una posizione scomoda con relativa facilità. Per chiunque altro, invece, sarà più difficile. In posizione seduta, occorre posizionare il carpo della mano al centro del torace, quindi spingere il più forte e veloce possibile. Sebbene lo schienale della sedia sia morbido e sia necessario posizionare la vittima su una superficie piana e dura, fate del vostro meglio per portare a termine questo compito. Tenete presente che siete di fronte alla vittima e che potrebbe vomitare, quindi prendete le precauzioni del caso e preparatevi.

Se la vittima è a testa in giù per qualsiasi motivo e non si riesce a riportarla in posizione prona, spingere sulla schiena non si è dimostrata una tecnica efficace per consentire la perfusioneSe riuscite a mettervi sotto di lei (c’è molto spazio per farlo), usate entrambe le mani e spingete più forte che potete. Ennis Jackson*, istruttore ALS, racconta: “In una situazione del mio passato, ho avuto una vittima che ha avuto un arresto cardiaco prima di schiantarsi con il suo veicolo contro un muro. I danni e i traumi al corpo erano minimi, ma lui è rimasto nel veicolo. Non potendo estrarlo in tempo utile per evitare lesioni cerebrali permanenti, mi posizionai dietro di lui, gli circondai il petto e lo strinsi ritmicamente, come nelle normali compressioni toraciche. Sembrava che stesse ricevendo la manovra di Heimlich sul petto e che ciò facesse la differenza. La vittima in arresto cardiaco nel veicolo è rimasta in posizione prona fino a quando le sue vie aeree non sono state controllate manualmente. La maggior parte di questi visitatori è stata estricata dopo un tentativo iniziale. Ho continuato a praticare la tecnica di compressione toracica Heimlich modificata fino al ritorno della circolazione spontanea (ROSC). Questa tecnica è stata eseguita senza supporto vitale avanzato (ALS). In una chiamata tipica, la maggior parte degli operatori del servizio medico di emergenza (SME) avrebbe dichiarato la morte della vittima sul posto. Tuttavia, con un po’ di ingegno creativo e di determinazione, abbiamo ottenuto un esito positivo.”

In altre situazioni, una vittima può essere trovata in una situazione di difficoltà e sdraiata su un fianco. Ci si rende conto che ci vorranno pochi minuti per rimuoverla, quindi ci si posiziona in modo da poter effettuare le compressioni toraciche laterali. Anche questa tecnica è molto difficile, ma i vostri sforzi saranno riconosciuti e potreste scoprire di aver fatto la differenza. Una volta messa la vittima in posizione supina su una superficie rigida, procedete spingendo con forza e velocità sul torace.

In questo mondo, tutto è possibile. Potreste trovarvi nella posizione di dover aiutare qualcuno, e potrebbe essere il momento più imbarazzante della vostra vita. Tuttavia, dovete essere consapevoli che fare qualcosa è positivo. Tuttavia, non fare nulla perché la vittima è irraggiungibile (secondo voi) non vi pone in un contenzioso negativo. Potreste anche incolparvi perché vi siete sentiti impotenti. Darsi la colpa è una reazione normale da parte di una persona con una buona coscienza. Ma capite che avete chiamato il servizio medico di emergenza e che sono arrivati dei professionisti. Anche queste sensazioni sono imbarazzanti, ma si attenueranno con il tempo. Se sentite di essere caduti (ma in realtà non è così), date conforto alla famiglia e agli amici. Questo dà di per sé una sensazione inconscia di soddisfazione, che poi affiorerà in superficie. In ogni caso, siete degli EROI!

Per insegnare una RCP di alta qualità è necessario e richiesto avere in dotazione Manichini BLS e Defibrillatori Didattici affidabili e robusti, come quelli proposti da SoFraPa – Emergency Training Specialist nella categoria PRIMO SOCCORSO dello store.

*Ennis Jackson è l’autore dell’articolo originale, How to Perform CPR in an Awkward Position?